Entrata e soggiorno

Da cittadino comunitario avete il diritto di viaggiare in altri paesi membri dell’Unione Europea (UE) senza particolari formalità. Avete solo bisogno di una carta d’identità valida o di un passaporto in regola.

La vostra libertà di viaggiare può essere limitata soltanto per motivi di ordine pubblico, di sicurezza o per motivi di salute. Indipendentemente da questo potete viaggiare in ogni paese membro dell’UE, potete visitare un paese per motivi personali o di lavoro, come dipendente, lavoratore autonomo o come turista. 

In Austria c’è l’obbligo di registrazione. Se non alloggiate in un esercizio di tipo alberghiero (ad esempio in un hotel), dovete registrarvi al Comune o alle autorità municipali competenti entro tre giorni.  Se soggiornate in un altro paese membro per meno di tre mesi, non avete bisogno di un permesso di soggiorno.

Per questo motivo un permesso di soggiorno è necessario solo dopo la scadenza dei tre mesi. Ulteriori informazioni sulla Help-Guida agli uffici – Soggiorno e visto. 

Cittadini italiani possono entrare in Austria con una carta d’identità valida oppure con un passaporto anche scaduto da massimo cinque anni. 

Impiegati statali italiani possono entrare in Austria anche con una "Tessera Mod. AT", i membri della loro famiglia con una "Tessera Mod. BT" (entrambe di colore celeste!). 

Nel caso di viaggi all’estero, dal 26.6.2012 tutti i bambini devono essere in possesso di un proprio documento di viaggio. Ai sensi dell’art. 14 della legge italiana n. 1185/67 idgF (norme sui passaporti) tutti i minorenni sotto i 14 anni, in aggiunta ad un valido documento di viaggio, devono avere anche una dichiarazione certificata dalla questura oppure una dichiarazione firmata dai genitori, nella quale si legge il nome della persona/delle persone autorizzata/e ad accompagnarli. Questa legge vale per tutti i bambini e adolescenti di cittadinanza italiana.
Normalmente, cittadini extracomunitari residenti in Italia non hanno bisogno di un visto per entrare in Austria se questo avviene per motivi turistici fino al massimo di 90 giorni nell’arco di un semestre a partire dal primo giorno d’ingresso. Devono portare con sé il loro passaporto in regola e un valido "Permesso di Soggiorno" italiano in versione originale. 

L’attestazione della richiesta o del rinnovo del permesso di soggiorno, oppure anche un permesso provvisorio, Non danno il diritto di entrare in Austria! 

La Legge Federale relativa al diritto di stabilirsi e di soggiornare (NAG) regola inoltre il rilascio dei permessi di soggiorno agli stranieri che vogliono soggiornare in Austria per più di sei mesi, nonché la documentazione dei diritti di stabilirsi e di soggiornare esistenti. 

Il Portale Migrazione (tedesco e inglese) illustra nel dettaglio tutte le informazioni sulla Carta Rossa-Bianca-Rossa e sulle altre forme di immigrazione. Il capitolo “Vita e lavoro in Austria” offre informazioni importanti su argomenti quali condizioni dell’integrazione, diritto del lavoro, figli e formazione, abitare, salute e lingua. 

Guida alla mobilità per artisti

In collaborazione con i ministeri rilevanti, il BMUKK (Ministero dell’istruzione, dell’arte e della cultura) ha creato una cosiddetta “guida alla mobilità per artisti” che comprende gli argomenti visti, titoli di soggiorno e legislazioni relative al mercato di lavoro. Vuole proporre sia agli artisti, sia agli organizzatori un panorama delle opportunità e delle necessità riguardo alla mobilità di artisti.